Cosa vedere nei dintorni di Firenze? Scopriamolo insieme

La Toscana è ricca di graziosi borghi principalmente di stampo medioevale, che è possibile visitare facendo base a Firenze e muovendosi nei dintorni anche in una sola giornata.

Si tratta di esperienze molto interessanti, che generalmente prevedono la possibilità di godere bellezze artistiche uniche nel loro genere e nello stesso tempo di approfondire l’aspetto enogastronomico che caratterizza la regione.

In questo articolo vedremo nel dettaglio quali sono i luoghi raggiungibili dal capoluogo di regione e perché meritano una visita accurata e divertente di qualche ora.

Una soluzione per chi arriva a Firenze o Pisa in aereo e non possiede un mezzo o non vuole utilizzare i mezzi pubblici, potrebbe essere quella di scegliere un servizio di noleggio auto.

In questo modo si avrà la possibilità di muoversi in tutta comodità.

 

Certaldo

Questo piccolo paese del centro Italia è situato tra le colline della Toscana e, oltre alla bellezza del centro storico, colpisce il visitatore per il panorama circostante totalmente immerso nel verde.

La sensazione provata vagando per le sue vie è quella della calma e della pace interiore, in quanto il ritmo degli abitanti è più rallentato e tutto il luogo sembra immerso in una dimensione fuori dal tempo.

La parte bassa della location, che ha dato i natali niente di meno che al poeta Boccaccio, ospita la casa dove è cresciuto, oltre che graziose botteghe artigianali e abitazioni caratteristiche dalle dimensioni ridotte.

Sulla cima della storica dimora è presente una suggestiva torre, dalla quale osservare tutto il panorama circostante senza porre limiti allo sguardo.

Notevole è anche il palazzo pretorio, mentre la funivia consente di raggiungere la zona più alta.
Se decidete di programmare una visita estiva, la metà di luglio è il momento migliore poiché l’area si anima di un’atmosfera tutta medievale durante la festa della Marcantia.

 

San Gimignano

Probabilmente uno dei borghi più belli della Penisola, offre numerose attrazioni adatte a grandi e piccini.

Denominata città delle torri, si caratterizza appunto per la presenza di questo tipo di struttura declinata in tutte le sue varianti, per forma e dimensione.

Questo denota come in passato fosse un avamposto di difesa e le costruzioni rialzate servissero per avvistare il nemico prima che potesse colpire.

Suggestiva è la casa torre Campatelli, perfettamente integrata a un edificio del 1700 e visitabile secondo orari prestabiliti.
Un’esperienza multimediale permette inoltre di conoscere la storia del paese e di una delle sue principali famiglie, per poi lasciare liberii turisti di aggirarsi per tutto il piano nobile.

Le due aree principali sono Piazza del Duomo e Piazza Cisterna, sulle quali affacciano edifici di immenso valore storico e culturale.

Da questi fulcri è possibile partire alla volta di differenti itinerari, adatti a famiglie o a singoli viaggiatori.

 

Vinci

Ancora una volta un borgo celebre per aver ospitato un grande artista del passato come Leonardo da Vinci, mostrando come i dintorni di Firenze fossero la culla dei maggiori esponenti culturali del passato.

Il paese ha pertanto incentrato molto il suo turismo sul passaggio dell’illustre compaesano, inaugurando il museo a lui dedicato che merita una visita di alcune ore per poter osservare le sue creazioni non solo in ambito pittorico, ma anche scientifico ingegneristico e tecnologico.

Suggestivo è inoltre il Castello dei Conti Guidi che racchiude il polo culturale in una location perfettamente all’altezza.

 

Cigoli

Questa piccola frazione nei pressi di San Miniato Alto propone un posto di alto valore religioso, il Santuario della Madonna madre dei Bambini, luogo di pellegrinaggio per tutti i professanti del culto mariano.

Al suo interno non mancano esempi illustri di arte proveniente dalla scuola fiorentina del 1400 e il celebre tabernacolo gotico di Neri di Fioravante, risalente addirittura al 1381.

 

Badia a Passignano

Il borgo merita una visita non solo per la splendida abbazia che ospita, ma soprattutto per la simpatia del monaco che vi condurrà al suo interno attraverso una visita guidata interessante e stimolante.

Gli ambienti, risalenti al 1600, mantengono ancora molte delle caratteristiche dell’epoca, mentre il giardino esterno, soprattutto nel periodo della fioritura, è un vero e proprio spettacolo per gli occhi.

Unico vincolo è quello della prenotazione, poiché non sempre la location è disponibile alla visita o l’accompagnatore pronto ad accogliervi.

 

Barberino val d’Elsa

La cittadina dista 45 km da Firenze e presenta il tipico impianto medioevale della zona.
Tuttavia, del tutto particolare è il giardino SottoVico, occupato da una vasta gamma di piante grasse che donano un effetto eccezionale nel periodo della loro fioritura, che generalmente va da maggio a settembre.

Sarete immersi in un tripudio di colori e vegetazione, il tutto sapientemente gestito da ottimi giardinieri capaci di creare delle aree pulite e ben definite.

Si tratta di una visita perfettamente adatta alle famiglie con bambini, che possono vivere una giornata a contatto con la natura.

 

Montepulciano

Leggermente più distante, il paese merita una visita non solo per la sua bellezza caratteristica, ma anche per l’ampia offerta culinaria che è in grado di offrire ai visitatori.

Accompagnati da ottime varietà di vino, i piccoli ristoranti locali serviranno gustosi piatti tipici della tradizione, in grado di accontentare anche i palati più esigenti.

Il centro della vita è Piazza Grande, sulla quale si affacciano edifici di grande suggestione culturale e storica.

Leave comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *.